Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Vademecum: come scrivere un articolo

La terra dei fuochi…tutta un’altra storia!

Come scrivere il tuo articolo in 5 semplici mosse, più una ;)

Per partecipare al concorso “La terra dei fuochi…tutta un’altra storia!” ti viene chiesto di scrivere un articolo, proprio come quelli che leggi sul giornale.

Paura di non esserne capace?

Non ti preoccupare, noi siamo qui per te, per guidarti passo passo con alcuni semplici regole che ti aiuteranno a raccontare la tua storia.

Allora, ecco alcune cose da fare e da sapere che ti guideranno nella tua, forse prima ma magari non ultima, esperienza di reporter!

1.

La prima regola da seguire è: metti a fuoco la storia che vuoi raccontare. Come? Esci, guardati intorno e lasciati incuriosire. Il mondo intorno a te è pieno zeppo di storie: scegli di dar voce e penna a quella che senti più vicina, che ti emoziona, che vorresti far conoscere anche ad altri.

2.

Dopo che hai trovato la tua storia, strutturane la narrazione seguendo la “regola delle 5W”.

La “doppia v” è l’iniziale delle 5 parole inglesi che definiscono gli elementi principali che devono essere presenti nel racconto di una notizia giornalistica.

Eccole qua:

Who -> Chi?

What -> Cosa?

When -> Quando?

Where -> Dove?

Why -> Perché?

Quando strutturi il tuo racconto segui questa traccia: chi è il protagonista della tua storia, cosa ha fatto, quando, dove e perché.

3.

Ed ecco la regola più importante per la tua avventura di reporter: presta molta attenzione alle fonti che userai per raccontare la tua storia.

Ricorda: le fonti sono le fondamenta del lavoro giornalistico.

Stai per dar voce a una storia: tra te e i lettori che la leggeranno si stabilirà un rapporto di fiducia, che prevede che tu ti assuma la responsabilità della veridicità di quello che racconti.

Poni - a te stesso e agli altri - domande sui fatti che vuoi scrivere, non prendere tutto per scontato.

Fai interviste ai protagonisti della tua storia, verifica anche con altri o con ricerche (bibliografiche e/o online) che i fatti che ti sono stati raccontati siano reali.

Ogni giornalista – e tu ora lo sei ;) – ha il dovere di verificare e di assumersi la responsabilità di quello che scrive e decide di rendere pubblico.

4.

Ora sei pronto per prendere carta e penna o - più verosimilmente - per accendere il computer e iniziare a scrivere il tuo articolo.

Come in ogni giornale, ti è stato assegnato un numero di parole con le quali raccontare la tua storia.

Non dovrai utilizzare più di 3000 caratteri spazi inclusi.

No, non ti preoccupare, non devi contarli tu, lo fa per te il programma di scrittura… sì, insomma “word”. Nel menù “Strumenti” clicca su “Conteggio parole” e il gioco è fatto.

Puoi inserire anche una o più fotografie, ma attento a non fare un collage fotografico: devi trovare un equilibrio tra testo e immagini.

Per l’uso delle fotografie, leggi attentamente il regolamento: ricordati che sono soggette a copyright e devi ottenere sempre la liberatoria di chi vi è raffigurato.

5.

Hai 3000 caratteri a disposizione. Ma non buttarli alla rinfusa. Cerca di rispettare lo schema dell’articolo di un giornale, che ha degli elementi precisi.

Quali? Eccoli in estrema sintesi:

  • Titolo – L’elemento più importante e visibile. Ci possono essere titoli caldi (coinvolgenti ed emotivi) e titoli freddi (distaccati e informativi) in base alla natura della notizia.
  • Occhiello – Stringa di testo situata sopra al titolo. Dà informazioni che consentono al lettore di contestualizzare la notizia, i cui puoi aggiungere dettagli importanti.
  • Catenaccio – Di solito il catenaccio di un articolo di giornale si trova sotto a questi elementi e aggiunge informazioni. Utile se l’argomento è complesso e per attirare l’attenzione.

Anche lo svolgimento dell’articolo segue uno schema interno. Di norma, puoi riconoscere questa sequenza: l’attacco, in cui trovi la notizia e in sintesi i punti essenziali, poi lo sviluppo e infine la conclusione. E ricordati sempre la regola delle 5W!

Per aiutarti a visualizzare lo schema, qui di seguito trovi una foto con la struttura tipo di un articolo, tratta dal blog http://www.mysocialweb.it (come vedi, anche noi citiamo le nostri fonti!)

Come scrivere il tuo articolo in 5 semplici mosse, più una ;)

Tieni comunque sempre presente che puoi modellare lo schema dell’articolo sulla base di quello che vuoi raccontare: individua la tua storia e il più è fatto ;)

In ogni caso, se vuoi prendere dimestichezza con la struttura e lo stile, ti consigliamo di sfogliare un quotidiano e di provare a individuarne le diverse parti: vedrai, alla fine ti sembrerà tutto più familiare.

6.

Infine, l’ultimo consiglio: sii curioso, vai a caccia della tua storia, appassionati.

Le tue parole sono uno strumento importante per far conoscere la tua terra sotto un’altra luce, che non sia quella dei fuochi: approfittane, non vediamo l’ora di leggerti!